Archivi categoria: Lavoro

STAGIATE… CON PRUDENZA! – LAVORO

small_vignetta

TITOLO: “OFFRIAMO STAGE FORMATIVO A CANDIDATI… CON ESPERIENZA NEL SETTORE ?! ”

OBIETTIVO DELLA PROPOSTA: limitare l’abuso dello stage quando l’azienda richiede esplicitatamente candidati con esperienza specifica nello stesso settore e che dispongano già delle competenze necessarie per lavorare in quasi completa autonomia.

OGGETTO: Lo stage rivolto a laureati da più di 12 mesi, che aveva inizialmente la finalità del re inserimento, è diventata la tipologia “contrattuale” più diffusa in tutti quei casi in cui l’azienda cerca profili Junior con 1/2 anni di esperienza. Le motivazioni fornite ai candidati sono principalmente due:

1) solo lo stage ci permette di formarti con le nostre metodologie UNICHE nel settore!

2) solo lo stage ci permette di capire se effettivamente sei la persona che stavamo cercando

Propongo allora:

200 ore che l’azienda può utilizzare per formare e valutare il candidato:

Le 200 ore possono essere non retribuite o retribuite con un rimborso spese;

L’azienda deve disporre di un elenco di competenze tecniche e comportamentali (min. 4 indicatori ogni competenza) osservabili e valutabili. Le competenze, che serviranno per la valutazione intermedia e finale devono essere note al candidato fin dal primo giorno;

Il candidato e l’azienda possono scegliere, in maniera consensuale, tra un part time orizzontale/verticolare o un full time;

A metà del percorso è previsto un colloquio di feedback strutturato per monitorare l’andamento dello “stage”;

Al termine delle 200 ore l’azienda, in accordo con il candidato, e sulla base di quanto detto precedentemente deciderà se dare inizio ad un rapporto di lavoro.

COSTI – BENEFICI STIMATI riduzione degli stage che promettono finti inserimenti, impossibilità da parte dell’azienda di ricoprire posizioni effettivamente scoperte utilizzando stagisti a rotazione, utilizzo di forme contrattuali commisurate all’esperienza del candidato, dati istat che rispecchiano maggiormente la situazione attuale del mondo del lavoro

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (1 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...Loading...

"Ti Condanno…al reinserimento sociale" – Lavoro per i detenuti

detenuto

TITOLO: “TI CONDANNO AL REINSERIMENTO SOCIALE” – DIMINUIRE LA RECIDIVA CON IL LAVORO DEI DETENUTI!

OBIETTIVO DELLA PROPOSTA: Tornare a veder salire la percentuale dei detenuti al lavoro sopra il 50% (ora a meno del 20%) e consentire in tal modo la diminuzione vertiginosa dei condannati recidivi (DATI ALLA MANO, DEI DETENUTI CHE LAVORANO IN CARCERE O FUORI SOLO L’1% RITORNA A COMMETTERE REATI!)

OGGETTO:

  • Sperimentazione dei “SOCIAL IMPACT BOND” per l’incentivo del lavoro dei detenuti mediante assunzione da parte di soggetti privati: lo Stato emette obbligazioni che verranno acquistate dalle imprese o cooperative datrici di lavoro dei detenuti. Con tali fondi verranno pagati i detenuti al lavoro e le imprese si vedranno restituito, oltre alla somma anticipata, un interesse del 10-15% a saldo ogni tre anni proporzionato alla riduzione progressiva della recidiva nelle carceri. MENO SOVRAFFOLLAMENTO DELLE CARCERI, DETENUTI CHE IMPARANO UN MESTIERE E ANTICIPAZIONE DI FONDI ALLO STATO!
  • Rinnovo delle COMMISSIONI PER IL LAVORO DEI DETENUTI istituite presso gli uffici regionali del DAP e presso le Direzioni carcerarie: SONO INATTIVE DAL 1996!
  • RETRIBUZIONE DEI DETENUTI GARANTITA MA IN COMPENSAZIONE: 80% della retribuzione torna allo Stato come anticipo della restituzione delle spese di mantenimento e di giudizio del detenuto – il 20% viene erogato al detenuto direttamente sotto forma di MECCANISMO PROPORZIONALE A GETTONI (ad esempio, ogni 10 gettoni 1 euro)

COSTI – BENEFICI STIMATI: Oggi di 54.500 detenuti circa, soltanto il 15 per cento lavora, se non meno! L’obiettivo è farne lavorare più della metà al fine di DIMINUIRE LA RECIDIVA, GARANTIRE UN REINSERIMENTO SOCIALE DEI CONDANNATI, insegnando loro un  mestiere e così facendo diminuire le continue procedure di infrazione che l’Italia ha aperte verso la UE.

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (1 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...Loading...

 

SE PEDALI, TI PAGO! – MOBILITA’ SOSTENIBILE

Bicicletta1

 

TITOLO: “IN BICI AL LAVORO”

OBIETTIVO DELLA PROPOSTA: Incentiviamo ad andare al lavoro in bici!

OGGETTO: Le aziende pagano 0,25 cent a Km a ciascun lavoratore che si reca al lavoro in bici! Le aziende che aderiscono all’iniziativa si convenzionano con il Governo e possono detrarre tutto ciò che pagano come benefit ai lavoratori.

COSTI – BENEFICI STIMATI: Il governo francese che ha lanciato il progetto ha mostrato che l’incentivo di 25 centesimi a chilometro dovrebbe essere sufficiente a raddoppiare la quota di lavoratori che usa la bici per andare al lavoro, con dei costi di 109 milioni di euro l’anno largamente compensati dai benefici in termini di minori spese sanitarie, inquinamento e incidenti, stimati intorno a 570 milioni di euro.

Conviene e fa bene!

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...Loading...